E’ stato approvato il calendario venatorio 2020/2021 ed il piano di gestione del cinghiale in Emia Romagna. Un quadro normativo che di fatto allarga le maglie all’attività venatoria, in barba alle prescrizioni dell’Ispra, e alla tutela delle specie più a rischio. Neppure il Coronavirus e il rischio di contagio frena le doppiette che anzi, in Emilia Romagna torneranno a sparare più di prima.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata