Piacenza La Centrale Nucleare di Caorso fu costruita negli anni ´70 sulla riva destra del fiume Po all´interno di una zona golenale in località Mezzanone di Zerbio, Comune di Caorso, Provincia di Piacenza. L’impianto, con reattore ad acqua bollente, apparteneva agli impianti nucleari di “seconda generazione”. Quella di Caorso è stata la più grande centrale nucleare italiana. Da anni è in corso la dismissione dell’impianto. Ora, dopo la chiusura dell’impianto negli anni 80, è in corso una lunga e complessa dismissione interrotta, però, dalla pandemia di questi mesi. Nei tre depositi di stoccaggio temporanei che si trovano nella centrale nucleare di Caorso sono ancora conservati 860 tonnellate di resine a scambio ionico e fanghi radioattivi. È materiale a bassa radioattività che tuttavia rappresenta oltre il 90% della radioattività dei rifiuti presente ancora nella centrale. E quando tali scorie rientreranno dall’estero dove saranno collocate visto che il deposito nazionale ancora non esiste?

Vladimiro Poggi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata