Cremona Regioni e governo hanno trattato per stabilire insieme alcune regole per consentire la riapertura delle attività economiche e produttive dal 18 maggio, tra le quali quelle per i ristoranti. Le misure servono essenzialmente a garantire la sicurezza di clienti e lavoratori e a contenere i nuovi contagi da coronavirus. A Cremona l’afflusso di clienti nel primo giorno di riapertura non è stato esaltante anche perché con i protocolli di sicurezza mediamente un locale perde in partenza il 40/50 per cento dei posti a sedere. Dove possibile inoltre si dovrà privilegiare l’uso di spazi esterni come giardini, terrazze e dehors, sempre rispettando però il distanziamento di almeno un metro. La nota positiva è rappresentata dal fatto che per i clienti che decidono di accomodarsi all’esterno non è prevista l’obbligatorietà della mascherina.

Vladimiro Poggi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata