Brescia. Tra i tanti settori messi in crisi dall’emergenza Coronavirus c’è quello del turismo. Non solo hotel, campeggi ma anche le piccole attività a gestione familiare come i B&B e gli affittacamere. È l’esempio di Casa Santa Lucia, struttura di 4 camere immersa nel verde di Manerba del Garda. Da inizio marzo sono state numerose le cancellazioni da parte dei turisti e anche ora che la fase 2 è iniziata le prenotazioni stentano a ripartire. E non avendo partita Iva, per i titolari non arrivano nemmeno gli aiuti governativi previsti per le strutture ricettive. Come per il resto del Garda, i clienti principali sono i tedeschi che, per il momento, non possono ancora venire in Italia, meta pare anche sconsigliata dai tour operator teutonici.

Barbara Fogazzi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata