Piacenza La legge sulla scuola sta per essere approvata ma le realtà private hanno presentato diversi emendamenti tramite alcuni parlamentari perché si dicono discriminate. Sono le uniche a dover sostenere l’esame in presenza. Questo va contro l’art 3 della costituzione che dice che tutti sono uguali davanti alla legge. Invece si tratta di discriminazione perché tutti gli altri studenti sono promossi d’ufficio. La legislazione scolastica dice che ai candidati esterni deve essere assicurata una uniformità di trattamento.

Loretta Gregori

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata