La Corte dei conti dell’Unione Europea ha bocciato il progetto del Tav Torino-Lione: anche per la tratta dell’alta velocità Brescia Verona da decenni sono stati contestati dai comitati gli stessi punti critici, come il raddoppio dei costi , i tempi di realizzazione e i benefici assai inferiori a quelli ipotizzati. Questa tratta però non è messa in dubbio, e il territorio è alle prese con ritardi nei cantieri e modalità criticabili per quanto riguarda gli espropri. C’è poi una questione che riguarda le gare d’appalto, che vanno deserte. Qualche esponente politico sta proponendo di togliere la gara pubblica, ma forse i problemi sono altri.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata