Il maltempo ha sferzato il nord con temporali, vento e forte pioggia. Nel bresciano cielo scuro e nuvole e già dalle prime ore si sono registrati i danni legati alla forza del vento, che secondo alcuni monitoraggi viaggiava fino a 140 chilometri orari. La pioggia è scesa violenta e copiosa e le temperature si sono abbassate a 15 gradi.  Alberi caduti, disagi sulle strade, cantine e abitazioni allagate, come alcuni sottopassi. Rami spezzati e materiali trascinati nelle carreggiate hanno reso necessario l’allertamento in molti casi dei vigili del fuoco. L’allerta che ieri Regione Lombardia aveva diramato parlava infatti di codice arancione per la giornata di oggi e fino a domani, con possibilità di supercelle e per rischio idrogeologico ma ha diramato anche l’allerta giallo per rischio idraulico.  Sempre allerta arancione, ad esaurirsi in 48 ore, diramato dalla regione Emilia Romagna in particolare per quanto riguarda le areee montane e collinari, con rischio idrogeologico indicato dalla Protezione civile per il possibile improvviso innalzamento dei corsi d’acqua. Sono previste per l’intera giornata anche grandinate oltre forti piogge. Nella mattina tuttavia il territorio piacentino non ha registrato situazioni particolarmente critiche. Maggiore violenza si è registrata sulla provincia di Cremona a Spino dove una tromba d’aria si è abbattuta. Alcuni tetti sono stati scoperchiati e si sono tranciate linee della corrente elettrica. Pioggia e grandine hanno causato allagamenti e danni in diversi Comuni, a partire da Crema. Proprio il maltempo ha causato la caduta di rami sulla ferrovia e per questo sono bloccate le linee fra Soresina e Castelleone e fra Olmeneta e Brescia. A Milano invece il maltempo ha subito causato disagi e allagamenti, Il Seveso è esondato insieme al Lambro, in seguito alla forte bomba d’acqua che si è abbattuta dall’alba, e anche alle grandinate, con i conseguenti problemi di circolazione nella zona Nord Est, nella zona di viale Zara, Niguarda e viale Sarca. La situazione è però rientrata intorno alle 9 e 30. Molte le chiamate ai vigili del fuoco per sottopassi allagati e altri allagamenti, in particolare nella zona Nord, a Sesto San Giovanni e Cinisello Balsamo. Diversi gli allagamenti registrati, anche in altre parti della città. Dopo un’attenuazione dei fenomeni, nella seconda parte della giornata di oggi nuovi temporali interesseranno la pianura e l’Appennino

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata