Cremona Ancor oggi le trenta case di riposo della provincia di Cremona si trovano in grave difficoltà economica e gestionale per le conseguenze della pandemia, rimaste attuali e prive di soluzione. La crisi di bilancio sta mettendo in difficoltà le case di riposo, che non riescono più ad accogliere gli anziani, che restano in famiglia, con tutte le difficoltà del caso. Nemmeno è chiaro quali garanzie ci saranno nell’eventualità di una seconda ondata di covid-19. Secondo il consigliere regionale dei 5S Marco Degli Angeli è ormai evidente che la Regione non ha saputo affrontare le fasi più drammatiche della pandemia, tra febbraio e marzo. Nel Cremonese non è stata istituita la zona rossa, perché la Regione non ha usato in materia di sanità e igiene pubblica i poteri di cui è stata dotata dalla legge che nel ‘78 ha fondato il servizio sanitario nazionale. La stessa ordinanza del 23 febbraio riconosce al presidente della Regione Attilio Fontana, che ha firmato il documento assieme al ministro Speranza, il potere di modificare le disposizioni in ragione dell’evoluzione epidemiologica, che nel Cremonese ha poi fatto registrare la più alta percentuale di contagi in rapporto alla popolazione. Così il consigliere grillino intende ottenere dal presidente Fontana e dall’assessore Gallera una risposta nel question time dell’8 settembre, se non prima per iscritto; nel frattempo valuta di mettere i documenti a disposizione della Procura, visto che in Lombardia, e anche in provincia, le indagini della magistratura sono in corso. Dalla critica del pentastellato emerge anche il continuo rimpallo di responsabilità fra Regione, Ats e fondazioni onlus: la Regione risponde che i controlli spettano all’Ats, la quale non ha personale sufficiente per controllare, mentre le fondazioni onlus non hanno nemmeno l’obbligo di pubblicare i bilanci. Di qui l’appello ai sindaci, perché svolgano un ruolo da protagonisti, nel quadro di un sistema che non riesce a garantire sicurezza sanitaria ai più fragili, come appunto gli anziani e il personale che lavora per la loro assistenza.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata