Rinnovato l’Accordo di collaborazione tra Comune di Cremona, Azienda Speciale Comunale “Cremona Solidale” e Fondazione Città di Cremona. Il documento, in via di sottoscrizione traccia le linee di una vera e propria cooperazione tra i tre enti. L’accordo di collaborazione definisce gli impegni delle parti per attivare oppure riorganizzare, da qui al 2024, alcuni servizi ritenuti essenziali che potranno svilupparsi, in particolare, nel complesso di via Brescia 207 e di via XI Febbraio 56/60. L’accordo, rinnovato nei contenuti e prefigurando nuovi obiettivi da raggiungere per creare nuovi spazi e servizi con particolare attenzione alla popolazione anziana, è inoltre finalizzato a favorire sinergie e collaborazioni attraverso competenze e risorse mirate a rafforzare il sistema dei servizi del welfare cittadino. Il coordinamento da parte del Comune di Cremona, sulla base dell’accordo sottoscritto con l’Azienda Speciale Comunale “Cremona Solidale” e la Fondazione Città di Cremona, ha consentito di procedere per la riprogettazione e di Casa Barbieri in via XI Febbraio 56/60 e l’edificio Soldi di via Brescia, ridisegnando i servizi di welfare per la città. Da qui la decisione della Giunta di proseguire questo proficuo rapporto di collaborazione.  Nel nuovo accordo sono previsti interventi sugli immobili ma anche strategie per il reperimento delle risorse necessarie a sostenere i progetti, in cui rietreranno anche campagna per favorire donazioni privati, come già con la campagna ‘Oltre il giardino’ per supportare gli interventi presso l’area di via XI febbraio. L’emergenza Covid ha lasciato un pesante strascico nel settore dei servizi ad anziani e disabili, a cominciare dai centri diurni ma anche dal disavanzo di 250mila euro nel bilancio 2019 con il blocco dei nuovi ingressi a Cremona Solidale, con grave danno alle famiglie ma anche alle casse del comune. E sarà proprio Cremona Solidale al centro di nuove iniziative di raccolta e reperimento fondi. Per ora è decaduto il discusso progetto del grosso impianto fotovoltaico accanto al Soldi, anhe se in agenda permane l’intenzione di utilizzare l’energia rinnovabile per l’autoonsumo con un impianto nel parcheggio di via zocco. Altro intervento potrebbe riguardare il parco Mainardi per la fruizione degli ospiti di Cremona Solidale ma anche dei cittadini e raggiungibile attraverso una pista ciclabile. C’è poi il nodo del recupero della palazzina storica, graize anche ai fondi dell’eredità Somenzi. Sempre al Soldi si prospetta un nuovo centro diurno anziani e un nuovo centro diurno Alzheimer.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata