Piacenza. Una nuova speranza di cura per il virus era arrivata da Piacenza: all’ospedale di Castel San Giovanni era infatti nata l’idea dell’utilizzo di eparina nei casi di polmonite interstiziale. Tutto grazie all’intuizione del primario di chirurgia plastica, Marco Stabile, cremonese che lavora a Piacenza, che aveva già utilizzato l’eparina nella cura dei grandi ustionati. La terapia sfrutta il potere antiinfiammatorio dell’eparina e la sua capacità anticoagulante. Questo gli è valso il riconoscimento come Piacentino dell’anno. Sentiamo le sue parole.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata