Tracce di sangue sono state trovate dal Ris sul pianerottolo dell’appartamento di Crema in cui si sospetta che Sabrina Beccalli la notte di Ferragosto sia stata uccisa da Alessandro Pasini, in custodia cautelare in carcere con l’accusa di omicidio e distruzione di cadavere. E’ quanto emerge dai primi risultati degli esami condotti dal Reparto investigazioni scientifiche dei carabinieri. Con il luminol sarebbero state individuate tracce anche in bagno, ma la gran parte si trovava sul pianerottolo, e sarebbe stato lavato. Intanto la Procura di Cremona valuta un’ipotesi aggiuntiva di reato per crollo di costruzioni per Pasini, che ha tagliato un tubo della caldaia nell’appartamento, trovato dopo quattro giorni saturo di gas dai Vigili del fuoco al momento del primo sopralluogo. Per fare luce sul caso di Sabrina Beccalli si cercano tracce, anche nella memoria del telefono cellulare di Alessandro Pasini. La pm di Cremona Lisa Saccaro ha infatti disposto un accertamento tecnico irripetibile sull’Iphone di Pasini e ha nominato un consulente tecnico, Luca Losio, che inizierà le operazioni domani mattina. Intanto, il corpo di Sabrina potrebbe non essere lontano dalla zona in cui la sua auto è stata data alle fiamme, ma nella cisterna non c’è. E non sono suoi nemmeno i resti trovati nella sua auto bruciata il giorno di Ferragosto da Pasini. La difesa dell’uomo chiede intanto nuovi esami sui resti trovati nell’auto di Sabrina Beccalli. Nel frattempo, emergono altri particolari sull’ultimo giorno della mamma 39enne: la sua serata era cominciata al bar Sombrero insieme a un amico, dove era rimasta fino all’una circa del 15 agosto. Avrebbe bevuto e alle due circa, da casa, avrebbe chiamato l’amico, che nel frattempo si era recato al bar Pinocchio, dove c’era anche Pasini con cui ha chiesto di poter parlare, come confermato da una vicina di casa che l’ha sentita parlare al telefono. Poi, alle 4 circa, la 39enne avrebbe lasciato il suo appartamento per recarsi in quello della ex di Pasini, dove si trova lo stesso Alessandro. Alle 5, una vicina di casa sente una donna chiedere aiuto e chiama il 112: passa una pattuglia ma non rileva nulla di anomalo. Sabrina è morta, forse per aver rifiutato le avances di Pasini. Lui, invece, ha poi riferito di aver trovato la donna riversa in bagno e con la faccia insanguinata, probabilmente morta per overdose. Avrebbe così pensato di far sparire il cadavere, avvolgendolo in una coperta e di averlo caricato in auto, ripulendo l’appartamento e aspettando le 15 per portare la Panda col corpo a Vergonzana.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata