Crema. Frammenti ossei appartenenti agli arti inferiori e superiori e frammenti del cranio appartenenti ad un essere umano. E’ quanto trovato stamani, nel nuovo sopralluogo effettuato nell’officina che ospita la Panda di Sabrina Beccalli da ferragosto. A ispezionare la macchina che era stata data alle fiamme da Alessandro Pasini, che dal carcere di Monza sostiene di aver dato fuoco alla macchina e malla mamma 29enne morta, a suo dire, per overdose, c’erano il sostituto procuratore cremonese Lisa Saccaro, titolare del fascicolo; la patologa forense Cristina Cattaneo, assieme ai colleghi Debora Mazzarelli e Angelo Grecchi. Per la famiglia Beccalli, l’avvocato Antonino Andronico che segue l’inchiesta con la consulenza dell’esperto generale in congedo dei Ris Luciano Garofano. Sentiamo le parole di Luciano Garofano Ex Comandante del Ris Parma e dell’avvocato della famiglia Beccalli, Antonino Andronico.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata