Anche il comune di Bagnolo Mella è contrario al progetto del depuratore del Garda. Oltre 40 sindaci del bacino del Chiese e della Comunità Montana della Valsabbia, hanno sottoscritto il documento sottolinea le grandi perplessità sulla realizzazione di questa opera. La lettera è stata inviata al ministro all’Ambiente Sergio Costa e a Maddalena Mattei Gentili della Direzione generale per la sicurezza del suolo e dell’acqua. Sotto la lente gli aspetti relativi alla depurazione dei comuni gardesani della sponda bresciana: tra le ipotesi c’è il conferimento delle acque nel fiume Mincio e nel fiume Chiese. I sindaci di Isorella, Verolavecchia e di Bagnolo hanno sottolineato la necessità di una presa di posizione anche politica.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata