Cremona. Le scuole superiori cremonesi sono sotto pressione per l’inizio del nuovo anno scolastico: dal 14 settembre, infatti, la maggior parte degli alunni dovrà rientrare in classe: alcuni faranno didattica a distanza ma tutti dovranno ripartire in sicurezza. A Cremona, l’Istituto Torriani deve fare i conti con la carenza di insegnanti, il nodo trasporti e la riorganizzazione di ingressi e aule. Sentiamo le parole di Roberta Mozzi, Dirigente Scolatico IIS Torriani.

Claudia Barigozzi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata