Spaccio, estorsione, pestaggi, sono gravi i reati contestati a un rumeno di 30 anni e un 26nne cremonese che hanno patteggiato davanti al gup una pena rispettivamente di 4 anni e 9 mesi e di 4 anni di carcere. I due erano stati individuati in un’indagine che aveva portato i carabinieri a intercettarli sulla base di un modus operandi ben specifico. Inizialmente alcuni episodi violenti sembravano legati a regolamenti di conti, ma poi era emerso che si trattava di un sistema più complesso. I due cedevano a credito droga, in particolare cocaina, anche in grandi quantità, per poi ricorrere a metodi violenti esigendo interessi da usura in alcuni casi del 40%. Il caso che aveva portato a scoperchiare il vaso di Pandora, era stata una segnalazione al comando di Cremona, il 22 ottobre dello scorso anno, per un pestaggio avvenuto in pieno giorno a Cavatigozzi, quando la vittima era stata poi caricata su un’auto e portata via. Dalle immagini girate dalle videocamere di sorveglianza e poi passate all’esame dei militari era stata rintracciata l’auto ed era stato possibile risalire alla vittima, un 23enne operaio cremonese. Dai successivi accertamenti era emerso che il giovane aveva contratto un debito di droga di 900 euro e che per la difficoltà nel pagamento aveva subito dalla coppia un vero e proprio rapimento fino a quando un suo congiunto aveva saldato il dovuto agli spacciatori. Il 29 novembre nei guai era invece finito un 29enne di Olmeneta, per un debito questa volta di 600 euro. Non riuscendo a pagare il giovane era stato picchiato. Il 30enne rumeno era stato poi identificato come autore della rapina avvenuta in gennaio, in cui un 43enne di Castelverde era stato preso a pugni in via delle Industrie ed era stato rapinato del portafoglio. Ultimo caso ancora sempre a gennaio ai danni di un 35enne cremonese che aveva raggiunto un debito di 950 euro con i due malviventi. L’uomo e aveva   ricevuto la visita della coppia a casa sua, dove gli avevano rubato il portafoglio   in cambio dei soldi dovuti o almeno di una parte di essi.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata