Responsabilizzare i cittadini e non penalizzare il commercio. E’ un grido d’allarme quello lanciato da Confcommercio Cremona che guarda con estrema preoccupazione alle misure che ancora una volta si abbattono sul settore con le nuove restrizioni.  A nulla valgono a questo punto i seppur utili aiuti del comune di Cremona, come i plateatici gratuiti fino a marzo: servono la riduzione dei costi, misure sulle locazioni fino a fine anno e nuovi  ammortizzatori sociali. Ma più di tutto serve non paralizzare l’economia

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata