Un sopralluogo per analizzare e visionare la casa della tragedia di Ferragosto, in cui Sabrina Beccalli ha perso la vita e per consentire alle parti di fare eventuali segnalazioni alla Procura. Questa mattina Ris, avvocati, consulenti si sono recati nella casa teatro della tragedia in via Porto Franco a Crema in cui il 45enne Alessandro Pasini, dal carcere di Monza, sostiene che la mamma 39enne sia morta per overdose. Tra 10, massimo 15 giorni si potranno avere i primi riscontri anche dei nuovi accertamenti effettuati con il luminol, come ha confermato il generale Luciano Garofano, ex comandante del Ris di Parma e con Edi Sanson, collaboratore. Presente il consulente Angelo Grecchi, che per primo ha identificato come ossa umane i resti rimasti sulla Panda bruciata.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata