Cremona. La pioggia non ha fermato gli esercenti cremonesi, baristi e ristoratori, si sono radunati davanti alla Prefettura di Cremona con pentole e coperchi per manifestare contro l’ultimo Dcpm, che impone la chiusura alle 18. Almeno un centinaio di persone hanno espresso rumorosamente tutto il loro dissenso e hanno protestato sia per i loro diritti che per quelli dei loro dipendenti. La loro preoccupazione per il futuro è altissima.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata