Non si fermano i pareri discordanti sul vaccino genetico Pfizer. Il primo che verrà introdotto in Italia. Gli stessi virologi non riescono a trovare un punto d’incontro e c’è chi preferisce aspettare, nel dubbio, che arrivino i vaccini di vecchia concezione, quelli a base proteica, utilizzati fino ad ora per le classiche vaccinazioni anti influenzali, come varicella, morbillo, pertosse e molti altri. Mentre il dibattito prosegue, chi verrà vaccinato poco si preoccupa di quello che potrebbe creare questo vaccino di ultima generazione che cambierà, forse, il nostro DNA.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata