Cremona. Anche gli studenti si schierano contro le nuove modalità di insegnamento previste in questa nuova fase legata all’emergenza sanitaria. Le novità non sarebbero state favorite da politiche inclusive e riorganizzative, nonostante la scelta già penalizzante di abbandonare la didattica in presenza, vero caposaldo della formazione e della missione sociale che la scuola deve garantire. Per questo, gli stessi studenti hanno redatto un documento che hanno inviato ai dirigenti degli istituti scolastici cittadini.

Claudia Barigozzi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata