Brescia. Soffre una delle eccellenze del Made in Brescia, quel vino Franciacorta ambasciatore della qualità italiana nel mondo. Il primo lockdown e ora questa seconda fase di restrizioni che impongono la chiusura al pubblico di ristoranti, bar, locali ma anche l’annullamento di ricevimenti e momenti conviviali ha messo in seria crisi il settore. Le aziende che fanno parte del Consorzio Franciacorta sono 120 e il volume d’affari dello spedito, nel 2019, ha sfiorato i 18 milioni di euro, esportando il 15% dei prestigiosi vini anche nei mercati svizzero, statunitense e giapponese. Sentiamo le parole di Silvano Brescianini presidente del Consorzio Franciacorta.

Barbara Fogazzi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata