Brescia. Una risorsa preziosa che, in questa fase dell’emergenza sanitaria, a differenza della prima, deve essere sfruttata al meglio, per evitare il collasso degli ospedali e contribuire a salvare vite. Sono le USCA, le Unità Speciali di Continuità Assistenziale, composte da due medici che sono preposti a fornire cure ai pazienti positivi al Covid e sintomatici, ma non ricoverati. In provincia di Brescia sono 8 con 18 medici, per lo più motivati under 30, che dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 20, effettuano visite a domicilio dopo essere stati allertati dai Medici di Medicina Generale. Le nostre telecamere hanno documentato il lavoro dell’Usca di Orzinuovi, che oltre a Bagnolo Mella, copre il territorio della bassa bresciana. Da queste immagini si può capire quanto una visita a casa sia più efficace di un consulto telefonico. Sentiamo le parole del Dottor Marwan Al Ani Medico Unità Speciali di Continuità Assistenziale.

Barbara Fogazzi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata