L’amministrazione provinciale finisce ancora nel mirino delle critiche per la debolezza delle scelte strategiche. Al continuo arrivo di richieste di ampliamento di allevamenti intensivi, aziende inquinanti e impianti di trattamento di rifiuti, non corrisponderebbero adeguati controlli.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata