Il virus inattivato scelto da Sinovac, la via dell’RNA da Pfizer, gli adenovirus che trasportano antigeni, la proteina Spike da Novavax (Usa) e Sanofi (Francia). I laboratori biochimici mondiali stanno approntando i primi vaccini realizzati con virus geneticamente modificati anti covid ma non conosciamo ancora gli effetti collaterali. Il dottor Stefano Scoglio, direttore del Centro di Ricerche Nutriterapiche di Urbino fa chiarezza su come agiscono s funzionano i vaccini base proteica e quelli vettoriali o genetici, di nuova generazione.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata