Cremona Stamattina all’apertura di Piazza Affari l’amministratore delegato di A2A Renato Mazzoncini ha annunciato un piano di investimenti da 16 miliardi, che punterebbe sull’economia circolare, e il Comune si è accodato annunciando in una nota le conclusioni cui è giunto il gruppo di lavoro riservato al sindaco Gianluca Galimberti e ai manager di A2A-Lgh, Padania Acque e Aem, al quale i cittadini e le associazioni non hanno mai potuto partecipare. Il comunicato promette il presunto primo passo per la chiusura dell’inceneritore, garantendo fonti rinnovabili alla rete di teleriscaldamento e la crescita della differenziata dal 75 all’85%. Cremona rende noto un suo piano di lavori decennali, che vincolerebbe così chi vincerà le prossime elezioni. Gli altri sindaci del territorio da parte loro sono stati esclusi dalla discussione. Si parla anche di uno stoccaggio sotterraneo di CO2, sostanza che le industrie cremonesi producono in gran quantità. Lo studio epidemiologico dell’Ats sulle malattie tumorali, però, si è fermato dopo i primi dati inquietanti.

Paolo Zignani

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata