Alti livelli di pm 2,5, cioè di polveri sottili, possono causare non solo malattie croniche ma anche la morte, soprattutto se l’esposizione è a lungo termine. A sostenere questa tesi è una ricerca effettuata su mille città europee e pubblicata dalla rivista scentifica The Lancet Planetary Health che ha stilato una classifica delle città più inquinate. Tra le città in Europa con il maggior carico di mortalità attribuibile a questi inquinanti sono: Brescia (Italia), Bergamo e Cremona che si posiziona al diciottesimo posto di questa triste classifica. uno studio realizzato da Greenpeace Italia e Ispra dimostra che industrie, inceneritori e allevamenti intensivi sono responsabili in totale del 54% del pm 2.5.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata