Il 7 gennaio la maggior parte degli studenti dovrebbe tornare in classe. Il condizionale è d’obbligo perché, a tre giorni di distanza non si conosce ancor la decisione del Governo in merito alla presenza in aula del 50% dei ragazzi delle superiori. Se il DPCM di dicembre dovesse essere mantenuto, a Cremona, gli istituti sono pronti accogliere gli studenti come conferma il provveditore Fabio Molinari. Tanti sono anche i dubbi espressi dai sindacati secondo cui le scuole dovrebbero poter riaprire in perfetta tutela di studenti e personale docente.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata