Cremona. Il traffico, comunque ridotto a causa del lockdown, il freddo che sta causando una maggior emissione da riscaldamento di case e uffici ma non solo: il pessimo dato che si è misurato nella bassa lombarda legato allo smog sarebbe direttamente connesso alle attività zootecniche. Nel cremonese, per esempio, l’inizio d’anno è stato molto peggiore di quello milanese. Regione Lombardia con un provvedimento, invece di imporre maggiori prescrizioni per il controllo delle emissioni da allevamento, ha ridotto il periodo di divieto invernale di spandimento liquami zootecnici. Così da ieri, gli allevatori hanno potuto svuotare le cisterne di liquami nei campi. Non dimentichiamo che a dicembre la Commissione Europea ha di nuovo messo in mora l’Italia per mancato rispetto della direttiva anti-inquinamento, e si rischia di dover pagare pesanti sanzioni. Sentiamo le parole di Gigi Rizzi di Legambiente Lombardia.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata