Fischi, urla e animi molto accesi. La bagarre in consiglio regionale lombardo è andata in scena a poco più di mezz’ora dall’inizio dei lavori. A scaldare un clima apparso già da subito incandescente le spiegazioni del presidente Attilio Fontana relative ai dati errati che hanno inserito per una settimana la Lombardia in zona rossa. A prendere la parola poi il consigliere di +europa michele usuelli che ha ribadito le sue continue richieste, inascoltate, di rendere pubblici i dati disaggregati relativi alla pandemia. Per questo Usuelli si è provocatoriamente inginocchiato davanti a Fontana. La seduta è stata sospesa e il consigliere è rimasto nella stessa posizione per circa 20 minuti fino all’arrivo degli agenti della digos. La ripresa  dei lavori nel pomeriggio è durata una manciata di minuti.  Giusto il tempo di nuovi fischi e polemiche. Le opposizioni hanno abbandonato l’Aula del e cinque consiglieri di minoranza sono stati censurati e poi espulsi dal presidente Alessandro Fermi.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata