51mila vaccini inoculati tra cremonese e mantovano, secondo gli ultimi dati aggiornati forniti da Ats;  la fase 2 di vaccinazione degli anziani è solo all’inizio, mentre si sta ultimando la somministrazione a personale sanitario  extra ospedaliero. Sono i dati di una campagna che procede a rilento nonostante i proclami, per la mancanza dei vaccini, mentre anche su altri fronti i problemi della sanità pubblica rimangono irrisolti. Tutto questo mentre la terza ondata travolge le province vicine e porta anche all’ospedale di Cremona i pazienti Covid, per ora meno gravi. Oggi su 33 ricoverati ce ne sono infatti 12 dalla provincia di Brescia, dove impazza la variante inglese. La tenuta per ora è buona al Maggiore, che deve fare i conti con personale sanitario stanco e sotto organico, con il problema del mancato tracciamento sul territorio e la scarsa reperibilità dei vaccini.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata