Si battono per un’aria migliore e sono una vera e propria rete i migliaia di cittadini italiani e stranieri che sotto il gruppo “Centraline dal basso” monitorano l’aria con centraline costruite artigianalmente, ma funzionanti, dei territori italiani e tedeschi. L’inquinamento dell’aria è tra le cause principali di insorgenza di malattie respiratorie. In Europa, ogni anno, è causa di oltre 350.000 morti premature. Il progetto è partito dalla Germania ed è stato esportato nel nostro territorio grazie a “Salviamo il paesaggio”. Le centraline, collegate ai computer rilevano le pm10 e pm2.5 ogni ora. I dati vengono condivisi in rete e forniti anche all’Arpa. A Casalmaggiore sono attive 9 centraline, che nei giorni scorsi hanno registrato picchi fuori norma con superamento della soglia per le pm10 di 50 mg al giorno.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata