Non solo inquinamento ancora in corso presso il sito Caffaro, recentemente posto sotto sequestro, con cromo esavalente che raggiunge l’acqua di falda e altri veleni in libera circolazione: anche le bonifiche inaugurate nei parchi lasciano a desiderare mentre territorio bresciano soffre di tante diverse e gravi  situazioni di inquinamento. Anzitutto il tavolo Basta Veleni chiede che sul caso della Caffaro venga presto sostituito il Commissario in uscita, proponendo il coinvolgimento dello storico e ambientalista Marino Ruzzenenti, da sempre preparato e impegnato nella partita della bonifica del sito. Poi l’appello è ad un coinvolgimento attivo nei tavoli istituzionali che hanno come obbiettivo le bonifiche nel Bresciano.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata