Non accettano la giustificazione di una misura di prevenzione per arginare le varianti al covid che ora colpiscono anche i più giovani, gli studenti cremonesi che aderiscono al collettivo “Il Megafono”.  Puntano invece il dito contro una volontà politica che continuare a relegare istruzione e formazione all’ultimo posto, sacrificando le giovani generazioni agli interessi economici  senza politiche per garantire il diritto di tutti all’istruzione. Mentre aumentano disturbi mentali e del sonno, isolamento e depressione, abbandono scolastico,  l’ultima chicca: la chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado  comunicata con 36 ore di anticipo. Si tratta dell’ennesima colpo per studenti e famiglie, costretti  a pagare  per tutti. l collettivo ha affidato ad un video tutta la rabbia di questa emergenza senza fine che sta privando di obbiettivi e futuro le giovani generazioni.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata