Le classiche vie dello shopping cremonese hanno molte saracinesche abbassate, alcune purtroppo definitivamente, ma vedono transitare molte persone a tutte le ore del giorno. Un’assurdità secondo i commercianti, i cui negozi sono additati come luoghi di probabile assembramento e che, semplicemente con le vendite online, non riescono certo a bilanciare le gravi perdite subite fino ad ora. Il lockdown esiste solo per i negozi? Si chiedono gli esercenti cittadini ormai allo stremo che, per questo, hanno deciso di rivolgersi alle istituzioni non solo locali. La loro sopportazione, ormai, è al limite e chiedono dunque di tornare a lavorare e in totale sicurezza.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata