Gli avvocati che seguono i soci delle canottieri cremonesi Bissolati, Flora e Dopo lavoro Ferroviario, quindi  Gian Pietro Gennari, Claudio Tampelli Annalisa Beretta e Alessio Romanelli, annunciano nuova battaglia nelle aule di tribunale contro il colosso libico Tamoil,  che ha rigettato al mittente la richiesta extragiudiziale di risarcimento avanzata da 2200 soci  per i danni individuali subiti a causa dell’inquinamento della raffineria. Si apre quindi una nuova lunga fase in tribunale, dove anche sul fronte civile si chiede conto alla Tamoil dei danni causati al territorio e ai suoi cittadini, quantificabili in decine di milioni di euro. Un’altra causa in corso riguarda la società.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata