La buona notizia dell’esclusione di Caorso dalla lista del Cnapi, sui siti idonei ad un deposito nazionale per opistare le scorie nucleari, non bastano a tranquillizzare gli animi. Legambiente e il Gruppo Consigliare Un Patto per Caorso esprimono preoccupazione a fronte di lavori che vengono eseguiti presso la centrale nucleare. Sogin sta provvedendo ad una messa in sicurezza e la preoccupazione riguarda proprio il futuro delle scorie che, mandate all’estero, sono destinate a rientrare. Solo ieri sono partiti per la Slovacchia altri fusti di scorie.  Le spedizioni di fanghi radiattivi termineranno nel 2022.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata