Tra le prime misure adottate a Marzo 2020 per ridurre il rischio di liquidità vi sono state quelle previste dal Decreto Cura Italia. Le quali hanno consentito alle piccole e medie imprese, ai lavoratori autonomi e ai professionisti, in debito nei confronti delle banche, di poter beneficiare della sospensione del pagamento dei rimborsi rateali, come prestiti e muti. La scadenza di questa proroga è però ormai giunta al termine, difatti se non ci saranno nuove proroghe, sarà un serio problema per le imprese che fino ad oggi hanno lavorato, forse, al 10% delle proprie possibilità.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata