Visti i dati dello studio epidemiologico, non ancora concluso, ma che vede Cremona tra le città con un alto numero di incremento di patologie allarmanti, volevamo chiedere al sindaco Gianluca Galimberti spiegazioni in merito alla chiusura dell’inceneritore, uno dei maggiori impianti principali che contribuisce a rendere critica la situazione ambientale, vista la promessa del primo cittadino fatta durante la campagna elettorale del 2014, di chiuderlo entro il 2019, per poi posticipare la data entro il 2024, mentre ora si parla di un possibile rilancio dell’inceneritore con LGH. È da settimane che cerchiamo di avere risposte da parte del sindaco, ma come si evince dalle immagini, si è nuovamente rifiutato di darci una risposta. Abbiamo quindi approfittato della presenza dell’assessore Manzi per capire come mai non si vogliano affrontare certe tematiche, ma la risposta non è stata eloquente. Abbiamo insistito cercando di ottenere delle risposte dal sindaco, ma il porta Voce, Rosolino Azzali, ci ha espressamente dichiarato che il sindaco non intende lasciarci dichiarazioni.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata