Cremona. Aprire la porta di casa e scoprire che quelli che qualche anno fa erano semplici arbusti ora sono diventati addirittura piante. Campi non coltivati che da tempo vengono lasciati andare con la scusa di voler far restituire fertilità, e poi, quando arriva il momento di sistemarli, il rimpallo continuo di responsabilità. Richieste al comune, richieste al privato che lo ha acquistato, richieste che però nessuno sembra ascoltare. Compaiono così topi, serpentelli e lepri.

Sara Polgati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata