Cremona. Domani la visita del presidente Mattarella a Cremona dovrà osservare un protocollo rigido. Non sarà quindi possibile, per associazioni e cittadini, portare all’attenzione della massima autorità dello Stato istanze e problematiche anche molto sentite. Per questo le associazioni che fanno parte degli Stati Generali dell’Ambiente e delle Salute hanno deciso di consegnare al Presidente, attraverso la Prefettura, una lettera contenente dati documentali sulla salute della popolazione e sulle emissioni che affliggono il territorio. Anche i quartieri hanno affidato ad una lettera il loro appello ad una maggiore trasparenza e responsabilità nella tutela della popolazione.

Susanna Grillo

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata