Crotta d’Adda. Erano le 15:30 circa, quando il proprietario dell’azienda agricola Padana, Emilio Nicoletti, si è reso conto che l’intera struttura che ospitava 37mila galline ovaiole era avvolta dalle fiamme. L’uomo ha immediatamente chiamato i vigili del fuoco che, pur intervenendo immediatamente, non hanno potuto fare altro che domare le fiamme senza poter salvare nessuna delle galline. Secondo il Capo squadra dei vigli del fuoco di Cremona, il problema sembrerebbe un cortocircuito dei pannelli fotovoltaici installati sulle tettoie dei pollai. Incidenti che purtroppo, sempre più frequentemente, terminano con un bilancio di animali morti pesantemente negativo, questo anche causa degli allevamenti intensivi.

Giuseppe Fusco

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata