Bresciano Provvedimenti immediati di chiusura delle aree contaminate e la sospensione assoluta dell’attività agricola nei luoghi interessati. E’ quanto chiede il Codacons sull’indagine legata al traffico di rifiuti tossici che ha portato la Procura di Brescia a iscrivere nel registro degli indagati 15 persone e al sequestro dei capannoni dell’azienda. In serata incontro informativo tra alcuni sindaci bresciani e il presidente della provincia Samuele Alghisi per fare il punto della situazione. Intanto il Codacons fa un plauso all’unico sindaco bresciano, il primo cittadino di Lonato che ha chiuso l’accesso ai fondi e bloccato i raccolti.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata