Da marzo 2020 abbiamo cominciato a vivere sempre di più l’ambiente domestico per via della pandemia e del lockdown. Mentre per alcuni può essere stato un momento di vicinanza alla famiglia, per altri, soprattutto per molte donne, può essere diventato un incubo. Durante il lockdown i servizi sociali hanno registrato un calo nelle richieste d’aiuto, questo perchè il confinamento ha impedito alle donne che hanno subito una situazione di violenza dentro le mura di casa di chiedere un sostegno. Nel cremasco la maggior parte delle donne maltrattate ha tra i 38 e i 47 anni. Nel 2020 le donne seguite dal centro antiviolenza di Crema sono state 77, sono state 120 le telefonate e 418 i colloqui.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata