Seconda città più inquinata d’Europa. Ai primi posti in Italia per mortalità da Covid-19 e per malattie dell’apparato respiratorio e dello stomaco. Non è certamente dei più rassicuranti il biglietto da visita di Cremona. Inoltre lo studio epidemiologico che deve individuare le cause delle emissioni inquinanti è ancora fermo. Legambiente ha però le idee chiare su quali siano i punti sui quali intervenire, urgentemente, a tutela dell’aria che respiriamo. Anche perché con l’arrivo del caldo torna prepotentemente a preoccupare l’allarme ozono. Per rilanciare questo importante appello è previsto un sit-in per mercoledì e nei primi mesi è nata Rete Abiente Lombardia che ha lanciato una petizione online chiamata “Apriti cielo”.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata