Cremona. Oggi è il giorno della discussione della richiesta di archiviazione della procura di Cremona sulla morte di Mauro Pamiro, il professore cremasco il cui corpo è stato rinvenuto senza vita in un cantiere la scorsa estate. La scorsa settimana i genitori avevano lanciato un ultimo disperato appello chiedendo a eventuali testimoni di parlare. Non credono infatti all’ipotesi del gesto estremo ma che il figlio sia stato ucciso. Per questo, attraverso i loro legali, gli avvocati Antonino Andronico e Gian Luigi Tizzoni, si oppongono alla richiesta di archiviazione.

Susanna Grillo

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata