Cremona. Sono sempre di più gli operatori sanitari contrari all’ingresso obbligatorio del green pass, soprattutto dopo l’ultima comunicazione fatta dalla Commissione Europea che ha annunciato di aver identificato cinque trattamenti “promettenti” contro il covid 19 che potrebbero ricevere il via libera entro ottobre. Continueranno inoltre le manifestazioni contro quelli, che in molti hanno definito, una vera e propria violazione dei diritti costituzionali.

Giuseppe Fusco

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata