Cremona. Tra lockdown, chiusura dei negozi, e nascita di siti pratici per acquistare e prenotare le proprie vacanze, gli acquisti online sono aumentati, con loro però sono cresciute anche le truffe. In modo particolare, i cittadini cremonesi, clienti di Intesa San Paolo e di UniCredit sono stati raggirati. La colpa naturalmente non è degli istituti bancari, ma di coloro che fingono di esserlo tramite finti messaggi o finte pagine in cui viene richiesto di inserire i propri dati personali per procedere ai pagamenti.

Sara Polgati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata