Dopo un incontro con l’ATS, il comitato ambiente e futuro Lombardia si è detta delusa. Il rammarico nasce dalla scoperta che l’ATS, pare sia venuta a conoscenza dello spandimento di liquami tossici per mano dell’azienda bresciana WTE, solo tramite le testate giornalistiche. Nel paese di Monticelli Pavese Un mese prima dello scandalo WTE L’arpa avrebbe raccolto dei campionamenti, i cui risultati ancora non sono stati resi noti, ma esposti alla procura di Pavia. Il comune di Monticelli ha fatto richiesta alla Procura di Brescia per costituirsi parte civile nel processo contro la WTE.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata