Il glifosato torna a far discutere. L’erbicida più diffuso al mondo è messo sotto accusa dopo che analisi di laboratorio hanno dimostrato che provoca danni genetici e stress ossidativo, tanto che lo IARC, l’istituto di ricerca contro il cancro, lo considera tra i “probabili cancerogeni”. Il Codacons ha deciso di presentare un esposto in procura a seguito delle notizie relative agli studi commissionati per la maggior parte dalle grandi aziende chimiche, che avrebbero dovuto, dimostrare l’innocuità dell’erbicida e che ora sono accusati di aver utilizzato un metodo del tutto non scientifico. L’Europa ha confermato l’utilizzo del glifosato sulle colture per altri cinque anni. Una scelta che va contro il principio di precauzione.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata