La raccolta firme promossa dall’Associazione Luca Coscioni per indire un referendum che renda legale l’eutanasia sta superando le più rosee aspettative. Sono già 750 mila gli italiani che, ai banchetti oppure online, stanno sostenendo la campagna che chiede di dotare l’ordinamento italiano di una norma che autorizzi e regolamenti il rifiuto dei trattamenti sanitari e la liceità’ dell’eutanasia e la morte volontaria medicalmente assistita. Nella provincia di Cremona sono finora state raggiunte quasi 4500 firme. L’eutanasia attiva potrebbe quindi essere consentita nelle forme previste dalla legge sul consenso informato e il testamento biologico, e in presenza dei requisiti introdotti dalla sentenza della Consulta sul “Caso Cappato”.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata